L’ASSEMBLEA GENERALE DELLA OINA, NELLA RIUNIONE ANNUALE DEL 2009,  NELLA CITTÀ DI BOL, ISOLA DI BRAC, CROAZIA, DISPONE QUANTO SEGUE:

L’Assemblea Generale della OINA esprime la sua preoccupazione per la continua espansione della crisi a livello mondiale, che si ripercuote sia sull’economia che sui valori fondanti la convivenza umana.

Perciò risolve:

a) Riaffermare il principio che la conoscenza filosofica è una delle vie fondamentali per rafforzare i valori e sviluppare una attitudine stoica davanti alle vicissitudini della vita, tale da affrontarle con maggiore cautela e con animo sereno.

b) Che il termine “crisi” significa etimologicamente cambiamento, per cui ogni avvicendamento negli eventi costituisce una opportunità per riflettere  e distinguere ciò che è permanente e valido da ciò che è passeggero e superfluo. Come segnalò Albert Einstein nel riferirsi alla crisi “Non pretendiamo che le cose cambino, se facciamo sempre le stesse cose! La crisi è la miglior benedizione per gli uomini e le nazioni,  perché  porta  progresso. La creatività nasce dall’angoscia, così come il giorno  dalla notte oscura. È nella crisi che nascono l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie”.


c) Indubbiamente una gran parte dell’Umanità si trova  indifesa  e  la crisi,  invece di costituire un incentivo, può affondare ancora di più nella miseria. Pertanto,  proprio perché presente in cinquanta paesi del mondo, la OINA può affrontare la crisi con maggiore efficacia, realizzando un lavoro di aiuto importante e offrendo ai più bisognosi un appoggio di carattere materiale, psicologico e spirituale.

d) Per il 4° anno consecutivo si celebrerà la Giornata Internazionale della Filosofia - già promossa nel mondo su iniziativa dell’UNESCO - con un ampio programma di attività, pubblicato anche nell’Annuario della OINA, intitolato alla filosofia, alle arti, alla storia, alla promozione dei valori e delle idee filosofiche.

e) L’Assemblea Generale della OINA riafferma la necessità di agire a favore della protezione dell’Ambiente, affinché gli esseri umani lo considerino l’ habitat appropriato per sviluppare le proprie potenzialità ed acquisire una coscienza della terra come casa comune dell’Umanità. Propone, quindi, di potenziare  il rispetto dell’equilibrio ecologico non solo attraverso corsi e conferenze al fine di promuovere una coscienza ambientale, ma anche di intervenire praticamente con rimboschimenti, pulizie ecologiche e attività di soccorso in situazioni di calamità, siano queste ultime spontanee che provocate dall’uomo.

f) Come già stabilito nella Assemblea Generale dell’anno precedente, la OINA continuerà a partecipare ad eventi di carattere internazionale, su invito dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) e dell’Organizzazione degli Stati Americani (OEA) e in particolare, come membro integrante del Comitato di Aiuto del Programma Interamericano di Educazione nei Valori e Pratiche Democratiche della OEA, coopererà con altre organizzazioni internazionali che lavorano in America latina in materia di “educazione civica”.